L'Opera

“II ragazzo dai pantaloni rosa” è un’opera multimediale unica inserita all’interno del progetto didattico Bewow Edu 2019/2020 che affronta la tematica del bullismo e del cyberbullismo giovanile con un approccio narrativo moderno e l’utilizzo di tecnologie digitali e di realtà aumentata.

L’evento multimediale, della durata di 70 minuti, scorre attraverso il racconto di sei diverse storie di bullismo che prendono forma scenica attiva grazie a monitor digitali ed un innovativo sistema di sottotitolazione simultanea che consente allo studente l’associazione ai dialoghi, alle intonazioni, alle gestualità della lingua straniera ed un approfondimento della grammatica e del lessico precedentemente studiati in classe.

A raccontare queste storie, il Professor Jago, anch’esso proiezione di un fatto reale che come una maschera magica, diventerà un personaggio in continua metamorfosi per raccontare le sfumature di ogni singola storia. Tramite lui ci immergeremo nella storie di Andrea, dalla quale prende il titolo l’evento facendo riferimento ad un famoso articolo di cronaca e poi di altri cinque adolescenti vittime di angherie e soprusi dai quali riusciranno a riscattarsi affermando sé stessi e la loro voglia di vivere ed essere felici.

Dalle storie dei nostri protagonisti impareremo quanto sia importante l’unione, il rispetto, l’accettazione e l’ascolto fra coetanei e altresì l’orientamento a sogni e aspirazioni di ciascuno.

 

Dietro ogni anima si nascondono potenziali e talenti grandiosi!

Ognuno di noi ha le sue peculiarità, è unico e straordinario

 

L’obiettivo di questo evento e dell’intero progetto didattico è quello di affrontare la tematica con diversi punti di vista uniti però dalla speranza di trasmettere la giusta consapevolezza ai ragazzi e orientarli alla loro massima espressività e realizzazione.

Ad enfatizzare i monologhi l’utilizzo dei contenuti multimediali che insieme ai sincronismi musicali regaleranno al pubblico presente una esperienza emozionale unica.

Terminato l’evento multimediale è previsto un innovativo sondaggio in tempo reale mediante accesso ad una app, denominato “Polis” che produrrà il materiale di ricerca didattico utile per la fase conclusiva del progetto.

Sarà un momento di confronto collettivo tra ragazzi, docenti, genitori e protagonisti dell’opera.

Focus sui personaggi

Andrea – Il Ragazzo Dai Pantaloni Rosa

Andrea è un ragazzo che viene continuamente umiliato dai suoi compagni solo per essere eccentrico ed estroverso. Le continue violenze verbali e fisiche lo porteranno ad un gesto estremo.

 

 

 

Ettore – Un tipo alla moda

Ettore è un ragazzo di periferia, preso in giro dai compagni perché non ha soldi per i vestiti firmati. Il colmo arriva quando la madre gli compra delle scarpe firmate e i suoi compagni lo prendono in giro perché sono false.

 

 

Costanza – La Youtuber

Costanza disabile, vuole fare la youtuber.
Dei suoi compagni la spingono a fare dei video, dicendole che è brava. Lo scopo reale è prenderla in giro su dei gruppi ma lei non si darà per vinta e riuscirà a far esporre i bulli sulla gogna online.

 

 

Simona – Fischietto rosa

Simona è arbitro di calcio della categoria allievi.
E’ una ragazza forte, che si abitua presto alle ingiurie e le minacce del pubblico ma una domenica subisce un’autentica caccia all’uomo durante una partita, vivendo un’esperienza spaventosa che la convincerà a lasciare la sua passione.

 

 

Nicole – La principessa delle parole

Nicole è una giovane sognatrice e scrittrice, ma presa in giro proprio per il suo tentare di mostrare la bellezza interiore e la sua arte. Viene attaccata pesantemente su un social online e successivamente abusata da parte dei suoi stessi compagni di classe. Riuscirà a superare questa bruttissima esperienza anche se ne resterà per sempre segnata.

 

Toby – Ballerino con le ciambelle

Toby preso in giro perché sovrappeso, timido ed insicuro ma ha un talento nascosto. Lui è un vero fenomeno della Breakdance. Questo suo talento lo aiuterà a ribellarsi ai suoi giovani detrattori e tutti quelli che non credevano in lui.

Enti Proponenti

BEWOW GROUP EDU (Comunicazione Didattica) Bewow Edu, ramo educational di Bewow Group sito presso gli Studi di Cinecittà a Roma, specializzato nel potenziamento e consolidamento dell’apprendimento della lingua e della cultura straniera negli istituti secondari utilizzando una comunicazione didattica innovativa e multimediale per integrare il lavoro dei docenti.

BEWOW GROUP È una multiservice creativa specializzata in strategie di comunicazione innovative con sede principale a Roma, presso Cinecittà Studios ma presente stabilmente con una agenzia di rappresentanza a Durazzo.
All’utilizzo delle più moderne tecnologie e linguaggi digitali, Bewow aggiunge la propria esperienza nel raccontare emozioni e lasciare la traccia indelebile di una storia, la Vostra.

PRIMAFILM INTERNATIONAL (Produzione esecutiva New Media)Si può definire un “distretto artistico” ad alto contenuto di creatività e di tecnologia per i settori del cinema, della televisione, della comunicazione e dell’educazione. Una “bottega tecnologica” per generare nuove idee, nuovi business, attraverso progetti che possano contemporaneamente intrattenere e informare.

PRIMAFILM, la cui direzione artistica è affidata al filmmaker Marco Carlucci, vanta un’esperienza decennale nel campo della produzione, post produzione e distribuzione indipendente grazie anche alle numerose collaborazioni professionali e alla realizzazione diretta di film, documentari, videoclip, video-live, spot pubblicitari, progetti istituzionali e didattico-sociali.

PRIMAFILM mette a disposizione la propria esperienza per la collaborazione con società nazionali e internazionali, offrendo assistenza globale per la produzione di film, documentari, music video, spot pubblicitari.

MARCO CARLUCCI (Direttore Artistico) Regista, produttore e fondatore di Primafilm, distretto creativo di produzione e distribuzione con l’obiettivo di creare e gestire interamente progetti audio-visivi indipendenti. Al suo attivo numerosi film, documentari, spot pubblicitari e music video spesso connotati da forti contenuti didattico/sociali.Oltre a numerosi riconoscimenti nazionali e internazionali, è stato il primo regista italiano a realizzare un film digitale convertito in pellicola 35mm (”Il punto rosso”) e a produrre uno dei primi film doc crossmediali utilizzando filmati di smartphone e tablet, entrando nel guiness dei primati come film dai titoli di coda più lunghi del mondo (Filthy to the core). È stato ideatore e tutor tecnico per importanti progetti didattico-formativi realizzati per Regione Lazio, Regione Emilia-Romagna, Regione Calabria, Comune di Roma, Netform, Cinecittà Entertainment, ACT Act Multi Media, NUCT Nuova Univertità Cinema e Tv, IFOA.Attualmente è impegnato anche come direttore artistico nei progetti di comunicazione di Bewow Group e campagne pubblicitarie internazionali.

Obiettivi Generali

Portare il cinema nel mondo del teatro con l’obiettivo didattico di creare un legame profondo tra lo studente e la lingua parlata, sfruttando l’elemento ludico e facendo leva sulle emozioni e sulle aspirazioni dei ragazzi.

Difatti, sulla falsa riga del consolidato metodo “Funny Learning”, si ritiene di notevole importanza affiancare al lavoro didattico tradizionale, che si svolge in classe e a casa, un’esperienza che possa risultare intimamente apprezzata e condivisa dai ragazzi di oggi.

Tutto ciò grazie al carattere ricreativo che il cinema/teatro è in grado di mantenere in concomitanza con l’intento pedagogico, grazie all’utilizzo di un linguaggio vicino ai giovani, grazie alle colonne sonore moderne capaci di trascinare e stimolare l’attenzione dello studente per la lingua straniera e alle applicazioni tecnologiche multimediali atte ad aumentare il pathos emozionale.

Si ritiene infatti che l’emozione diretta e i sentimenti dello studente siano i veicoli più efficaci per fissare concetti e nozioni, ma anche per stimolare curiosità verso la lingua e la cultura straniera.

Gli obiettivi pedagogici sono quelli di sensibilizzare i ragazzi, attraverso l’identificazione che il teatro è in grado di offrire allo spettatore, alla piaga sociale del bullismo, che travolge sempre più le nuove generazioni.

La proposta didattica vuole altresì negare davanti ai cittadini di domani i valori della prepotenza, della violenza, dell’emarginazione del più debole affermando di contro i valori del dialogo, della cooperazione e di un orientamento alle proprie aspirazioni per la piena realizzazione e affermazione del sé.

L’intero percorso, dalla creazione di file multimediali, alla condivisione degli stessi, passando per lo spettacolo realizzato con moderne tecnologie come realtà aumentata, videomapping, ologrammi ecc. vuole testimoniare davanti ai ragazzi che la tecnologia può veicolare valori sani e virtuosi a seconda di come la si utilizza.

Infatti gli studenti si ritroveranno a condividere idee e progetti con gli stessi mezzi di cui si serve il cyberbullismo: chat, foto, video, sondaggi.

La Proposta Didattica

Le classi partecipanti intraprenderanno un percorso didattico collettivo e individuale di durata annuale suddiviso in quattro fasi:

FASE 1 – Introduzione e approfondimento della tematica trattata.

Agli alunni sarà fornito del materiale didattico in lingua spagnola per approfondire la tematica del bullismo che sarà trattata durante la rappresentazione teatrale. Acquisite le conoscenze necessarie sull’argomento, gli alunni dovranno presentare dei lavori personali e di gruppo volti a stimolare la creatività, il ragionamento autonomo, la crescita e l’orientamento individuale e la produzione verbale in lingua straniera.

FASE 2 – Orientamento ad aspirazioni individuali e al futuro

Gli studenti dovranno svolgere degli esercizi di verifica e integrare i progetti svolti durante la Fase 1 con attività creative (realizzazione di testi, video ed immagini, esercizi di visualizzazione, etc.) finalizzata all’utilizzo di materiale didattico in un video-doc della stagione in corso che verrà poi pubblicato online.

FASE 3 – Partecipazione all’evento multimediale e dibattito

In giornata stabilita da calendario, le classi si recheranno a teatro dove assisteranno ad un evento multimediale in lingua spagnola durante il quale saranno anche parte attiva di un divertente dibattito formativo. Infine parteciperanno ad un sondaggio di opinione sociale mediante una nostra app denominata “Polis”. L’intero evento è gestito esclusivamente da tutor madrelingua ed è ideato, scritto e studiato appositamente per il livello degli studenti.

FASE 4 – Follow Up

Dopo la fruizione dello spettacolo multimediale proseguirà un lavoro di follow-up ed orientamento alla prospettiva futura con esercizi di feedback, valutazione di quanto appreso e analisi dei risultati del sondaggio. I contenuti multimediali e editoriali creati dai ragazzi verranno inseriti in un VIDEO-DOC che riassumerà l’intera stagione.

Il video potrà essere divulgato online e sulle emittenti nazionali.

Strumenti Didattici

Il docente potrà usufruire di un percorso linguistico composto da molteplici prodotti didattici attraverso i quali sarà possibile strutturare un progetto personalizzato basato sull’alternanza di materiali cartacei e digitali fruibili dal portale online e divisi in Aree Didattiche a seconda delle fasi e degli obiettivi formativi.

Gli studenti verranno coinvolti in attività pre-evento e post-evento.

Le quattro Aree, basate su variegati obiettivi formativi (apprendimento linguistico, sensibilizzazione alle tematiche sociali giovanili, orientamento alla realizzazione di aspirazioni e propensioni individuali, follow-up), saranno caratterizzati da esercitazioni per la lettura per l’ascolto e per stimolare la conversazione e la pronuncia:

  • questionari
  • brevi media, video e foto
  • schede di contestualizzazione e approfondimenti in lingua delle tematiche trattate
  • esercizi di grammatica
  • analisi dei testi delle scene/estratti del copione
  • karaoke e musiche dello spettacolo

Tempi e Modalità di Attuazione

I diversi moduli del percorso linguistico possono essere fruiti in autonomia di tempi e modi decisi dal docente.

Lo spettacolo ha una durata di 70 minuti + 20 minuti di dibattito finale.

QUOTA DI ADESIONE

Adesione annuale al progetto didattico: Euro 10,00 che comprende anche un ingresso riservato e gratuito all’evento multimediale.

Sono previste adesioni omaggio agli alunni diversamente abili non autosufficienti ed ai loro accompagnatori in occasione dell’evento multimediale.