Progetti scolastici innovativi: Conosci le principali tendenze per il 2021

I rapidi cambiamenti della nostra situazione attuale costringono i sistemi scolastici a ripensare e riconcepire le pratiche d’insegnamento e di apprendimento. Di fronte a nuove esigenze di vita e di comprensione del mondo circostante, i progetti scolastici innovativi offrono un nuovo approccio alla formazione scolastica.

Vi proponiamo di seguito una rassegna di ciò che il 2021 ha in serbo per noi.

Indice

  • Progetti scolastici innovativi: che cos’è l’innovazione educativa?

  • Informazioni sull’obiettivo dell’innovazione educativa

  • Il ruolo dell’insegnante nell’innovazione educativa

  • Progetti scolastici innovativi: livelli in cui opera

  • Progetti scolastici innovativi: esempi pratici

  • Conosci le principali tendenze dell’innovazione educativa per il 2021

  • Competenze Tecnologiche

  • Conclusione

Progetti scolastici innovativi: che cos’è l’innovazione educativa?

Tecnologia, psicologia, didattica integrata, nuovi processi e relazioni interpersonali: tutti elementi che ricoprono un ruolo chiave all’interno dei processi di cambiamento sociale verso i quali la scuola e il sistema educativo non possono estraniarsi.

L’innovazione educativa e i progetti scolastici innovativi puntano a fornire, in questo scenario, nuove risposte a vecchi problemi.

Informazioni sull’obiettivo dell’innovazione educativa

L’innovazione educativa, quindi, mira a incidere positivamente sui processi d’insegnamento e apprendimento.

Dirige i suoi sforzi verso una trasformazione costante, al fine di supportare il lavoro dei docenti, dell’istituzione e dell’apprendimento degli studenti.

Il ruolo dell’insegnante nell’innovazione educativa

Le nuove proposte educative basate sullo sviluppo di abilità e di competenze si affidano quasi completamente all’esperienza e alla preparazione dell’insegnante.

Il docente acquisisce così un ruolo chiave nella progettazione, nella realizzazione e nella valutazione dei futuri progetti scolastici innovativi.

Progetti scolastici innovativi: livelli in cui opera

Innovare nell’istruzione implica la ricerca di una leadership proattiva che fornisca agli studenti gli strumenti per affrontare le sfide del mondo di oggi, eliminando conoscenze stagnanti e potenziando nuovi campi di studio.

I progetti scolastici innovativi, quindi, devono operare su due livelli: micro e macro

Livello micro 

A livello micro, tutti i progetti scolastici innovativi sono realizzati e concepiti per soddisfare le esigenze specifiche dell’istituto. Ogni progetto è strutturato intorno a un determinato argomento, a una competenza o a una particolare necessità educativa.

Livello macro 

A sua volta, ogni progetto scolastico, oltre a soddisfare una domanda specifica, aspira a essere rilevante anche al di là dell’ambito educativo, divenendo motore di cambiamento futuro delle nuove generazioni.

Progetti scolastici innovativi: esempi pratici

L’analisi dei big data, le applicazioni mobili e l’uso di nuovi spazi di lavoro sono tre esempi pratici di progetti innovativi.

Si avranno in questo modo studenti più indipendenti, disposti a risolvere problemi e la cui creatività diventa un valore aggiunto che trova un fertile terreno d’espressione nelle nuove tecnologie.

Chiedere agli studenti di mappare determinate informazioni può diventare un’attività di routine, a meno che non si pensi a una strategia come la Flipped classroom.

In questo modello di lavoro, gli studenti dovranno “organizzare la classe” nel loro tempo libero di studio e occupare lo spazio temporale condiviso ponendo domande, affrontando attività congiunte e organizzando dibattiti di gruppo.

Progetti scolastici innovativi

Conosci le principali tendenze dell’innovazione educativa per il 2021

Se i progetti scolastici innovativi sono il motore del cambiamento nell’istruzione, dall’altra gli insegnanti sono gli attori che faranno la differenza con il loro ruolo di leadership all’interno del singolo progetto. Questa è stata una delle tendenze rilevanti in questo anno scolastico.

Vediamo di seguito quali sono gli altri trend dei progetti scolastici innovativi del 2021. 

Allenamento: la base di tutto 

È chiaro, quindi, che la formazione è la chiave per accedere a questo nuovo modo di pensare la scuola. Attraverso la modalità online, inoltre, è possibile accedere facilmente a una formazione specifica di alto profilo.

Apprendimento collaborativo 

Nel senso delle abilità sociali. L’apprendimento collaborativo richiede lo sviluppo di una leadership e di una capacità empatica che consentano di realizzare un progetto di classe basato su tre premesse: lavoro in squadra, condivisione delle informazioni e organizzazione di uno spazio di lavoro comune.

Consapevolezza ed Educazione Emotiva 

Lavoro di squadra, comunicazione assertiva e processo decisionale sono alcuni requisiti richiesti ai leader di domani. La consapevolezza può aiutare a connettersi con le emozioni e da lì innescare anche un processo creativo consequenziale.

La creatività non è solo un’abilità da sviluppare, ma anche uno strumento capace di facilitare il lavoro potenziando il team e migliorando le relazioni.

Le persone che si sentono a proprio agio nei gruppi di lavoro, infatti, tendono a essere più empatiche e quindi più predisposte trovare soluzioni innovative.

Movimento  Maker o apprendimento basato su progetti 

Il movimento dei maker (o apprendimento basato su progetti) colloca gli studenti in un ambiente accogliente in modo che le loro preoccupazioni, domande e motivazioni guidino il lavoro della classe.

Flipped Classroom o pedagogia inversa

In questo nuovo approccio, la parte formativa è delegata a materiali extra e in genere multimediali forniti dal docente. Lo studente a questo punto assume un ruolo di leader sia nell’organizzazione del lavoro sia nella dimostrazione della sua preparazione attraverso l’elaborato finale.

Questo approccio è chiamato “a classe rovesciata” perché il tempo in aula ora è quasi totalmente dedicato all’esposizione dell’alunno, alla condivisione di quanto appreso con i compagni piuttosto che alla spiegazione da parte del docente.

Competenze Tecnologiche

Competenze o abilità TIC sono sempre più richieste nei campi professionali. Formare le prossime generazioni significa includere competenze tecnologiche come asse trasversale di ogni pratica educativa.

Gamificazione educativa

Perché la scuola non potrebbe utilizzare ciò con cui i giovani e i bambini interagiscono di più? Il gioco a scuola possiede un potenziale infinito, applicato non solo attraverso piattaforme di sviluppo e programmazione, ma anche attraverso il pensiero creativo e la capacità di risolvere situazioni problematiche.

Realtà virtuale e Visual Thinking

Allo stesso modo in cui il gioco costituisce un alleato nelle aule dei progetti scolastici innovativi, la realtà virtuale e il pensiero visivo forniscono nuove modalità d’insegnamento e di apprendimento, facilitando lo studio e l’accesso alle risorse formative.

Conclusione

Di fronte a un mondo sempre più connesso e altamente competitivo, la scuola come istituzione è ormai obbligata ad assumere un ruolo di leadership, potenziando contemporaneamente anche le capacità creative.

Quindi è necessario fornire agli studenti reali opportunità per sviluppare abilità e competenze che saranno fondamentali per entrare nel mondo del lavoro.

 L’inizio dell’anno scolastico si aprirà con nuove modalità di apprendimento per motivare gli studenti e per metterli a confronto con nuove metodologie formative. Dalla Flipped Classroom alla realtà virtuale, il 2021 offre novità e sfide stimolanti attraverso progetti scolastici innovativi.

Bewowedu la risposta

  • Consigli pratici per i problemi più comuni  
  • Come saperne di più
  • E se questo non mi basta?

BeWowEdu è uno dei progetti scolastici innovativi di EssereWow, diretto dal regista e produttore Marco Carlucci. A seguito di un lavoro ventennale acquisito nella produzione audiovisiva Marco ha deciso di mettere a disposizione le sue competenze, in progetti multimediali e cross-mediali realizzando la piattaforma per eccellenza, utile e funzionale per una migliore Didattica Digitale Integrata.

Sull’onda di questa scia è stata posta attenzione a ogni tipo di esigenza al livello didattico, con l’intento di trovare la miglior soluzione per rispondere ad una domanda frequente: fruibilità degli strumenti e fluidità di svolgimento lezioni anche a schermo.

La piattaforma di Bewowedu rende possibile ciò, grazie anche ad un supporto tecnico in grado di far fronte a qualsiasi criticità che potrebbe presentarsi nello svolgimento delle lezioni con progetti scolastici innovativi.

Con la nascita di BewowEdu si pianificano progetti didattici all’interno dei quali l’apprendimento dei giovani viene incentivato attraverso l’utilizzo del loro linguaggio.

Innovazione, emozione, versatilità e disponibilità, rappresentano le caratteristiche di questa startup, dove il digitale e la tecnologia la fanno da padrone.

Oltre quaranta categorie di corsi tra cui scegliere, divise per materie e argomenti, a seconda anche dei livelli di conoscenza: principiante , intermedio e avanzato. All’interno di essi, gli studenti potranno  districarsi per un’analisi più completa del tema trattato a scuola.

Consigli pratici per problemi più comuni

Quante volte è capitato di prendere appunti a lezione ma una volta ripresi in mano in un secondo momento, era un po’ un terno all’otto ricostruire la spiegazione del docente e capire i giusti collegamenti? Dall’altra parte l’insegnante si è dovuto invece adattare, nel giro di poco tempo, alle nuove tecnologie ma in particolare, a far fronte ai problemi tecnici che possono crearsi nei vari collegamenti, pur non sapendo dove mettere mano. Il rischio peggiore? mandare in “tilt” il sistema oppure, per i docenti più prudenti, coinvolgere colleghi un po’ più ferrati in materia, pregiudicando il lavoro altrui nel normale svolgimento della lezione, seppur non avendo la sicurezza di risolvere il problema.

Come da titolo entrambi, risultano difficoltà comuni che, nel tempo, possono creare non poche difficoltà oltre a rallentamenti dell’intero sistema.

Sulla scia di questo mal contento generalizzato si inserisce BeWowEdu con i suoi progetti scolastici innovativi all’avanguardia, con un team di esperti pronti a supportare e superare anche il più “semplice” ostacolo che si possa presentare.

E per chi fosse ancora scettico? Non resta che provare!

Come saperne di più

I servizi di BewowEdu sono in funzione di una didattica che riduce la distanza, studiata per un utilizzo e-learning e in presenza. Multilingua, multimateria, semplice, intuitiva con 5 sezioni riservate:

      • ACT: archivio di videolezioni con test di apprendimento e registro elettronico per facilitare l’attuazione dei programmi didattici.
      • POLIS: arena virtuale per sondaggi di opinione rivolti ai giovani.
      • NEWS blog magazine per progetti e approfondimenti social sul mondo della scuola e non solo.
      • SHOW: eventi multimediali esclusivi online e in presenza dove la parola d’ordine è apprendere con divertimento.
      • EDIT: un editor di lezioni personalizzate per ogni esigenza, un concreto supporto per tutti i docenti
      • NO BULLYING: un contest che vuole sensibilizzare i giovani alle problematiche del bullismo e del cyberbullismo mediante un coinvolgimento creativo delle scuole.

Il tutto per dar voce agli adulti di domani dove i giovani si sentiranno ascoltati e protagonisti di oggi, attraverso dei sondaggi ad hoc, al fine di unire il divertimento all’apprendimento.

E se questo non mi basta?

Se oltre all’ideazione, produzione, postproduzione e distribuzione la tua scuola avesse bisogno di un approfondimento più puntuale sugli strumenti e le attività didattiche per una DDI migliore, potrai rivolgerti ai nostri esperti che sapranno consigliarti gli step da seguire per la proposta didattica di qualità e su misura.

Si avranno a disposizione persone specializzate in editor che sapranno affiancarsi nella progettazione della lezione multimediale dei docenti e personale scolastico di ogni ordine e grado, anche a distanza.

Per una panoramica introduttiva sui nostri corsi questa la pagina dedicata ma siamo sempre a disposizione per progetti di formazione specifici sul personale scolastico.

Scrivici a [email protected]

Open chat